I WALSER, POPOLO DELLE ALPI


Popolo della montagna, i sentieri che hanno percorso attraverso importanti passi alpini come il Sempione, il San Gottardo, il Gries, formano ancora oggi una rete che disegna i versanti delle Alpi a cavallo del territorio svizzero, italiano ed austriaco. Dalla valle di Goms, appendice estrema del Vallese posta tra il passo del San Gottardo e l’Oberland bernese, a partire dal XIII secolo, interi nuclei familiari con i bambini pi¨ piccoli trasportati nelle gerle, si sono messi in cammino lungo le antiche mulattiere per risalire le valli, superare nei punti pi¨ convenienti le montagne e ridiscendere a sud delle Alpi in cerca di luoghi ove dar vita a nuovi villaggi.

 “Popolo delle Alpi” Ŕ l’appellativo con il quale sono comunemente indicati i walser che, a fine Settecento, l’appassionato studioso ginevrino Horace Benedicte de Saussure, nel corso del suo viaggio intorno al Monte Rosa, chiam˛ nei suoi diari “sentinella tedesca” in territorio italiano. Popolo di pastori, alpigiani, boscaioli e contadini sulla cui origine rimangono ancora aperti molti interrogativi. Abituati a lottare contro i rigori delle stagioni e la povertÓ del terreno, i walser sono entrati in sintonia con l’ambiente spesso ostile sviluppando, nel corso dei secoli, strategie che permettessero loro di sopravvivere. Una vita semplice, essenziale, dove nulla Ŕ concesso al caso o allo spreco.

Danno vita a villaggi laddove esistono solo alpeggi, coltivano la segale dove il clima non permette altre coltivazioni, costruiscono case adatte a far fronte ai rigori degli inverni ad alta quota ed alle valanghe, per riscaldarsi bruciano il letame nei forni di pietra ollare dove manca il legname, cuociono il pane di segale una volta all’anno nei forni comunitari del villaggio e lo consumano con parsimonia.

Anche se sull’origine dei walser non ci sono certezze, Ŕ verosimile che essi discendano da antiche trib¨ di origine germanica stabilitesi inizialmente nel cuore delle Alpi svizzere. In etÓ medioevale le loro migrazioni, avvenute a pi¨ riprese, si sono dirette principalmente in tre direzioni: ad ovest, verso Briga, le valli di Saas e di Zermatt e l’area meridionale del Monte Rosa; a sud, verso Binn, Formazza, Salecchio e Bosco Gurin; ad est, verso le valli grigionesi, quelle del Liechtenstein , del Voralberg austriaco e della Rezia.

In quest’epoca le migrazioni furono rese possibili anche dalle condizioni climatiche pi¨ favorevoli rispetto alle epoche successive. I walser infatti, riuscirono a costruire villaggi anche ad alta quota , insediamenti in parte abbandonati tra Quattrocento e Cinquecento in seguito alla “piccola glaciazione”. Numerose comunitÓ walser, al contrario, hanno mantenuto nel tempo le loro caratteristiche tramandando anche usanze e tradizioni secolari. Nelle localitÓ in territorio italiano- basti pensare alle valli intorno al Monte Rosa o alla val Formazza- i gruppi walser hanno saputo conservare i tratti caratteristici della loro cultura valorizzandola con manifestazioni folcloristiche, convegni, mostre.

Un cura particolare Ŕ stata riservata alle raccolte museali - le case museo di Alagna, Borca di Macugnaga e la casa forte di Ponte in Val Formazza ne sono esempi significativi - che hanno il merito di rendere viva e concreta la cultura materiale e le pi¨ autentiche tradizioni di questo popolo della montagna.

 I VILLAGGI WALSER A SUD DELLE ALPI

mappa insediamenti walser


Valle Anzasca:
Macugnaga

Val Formazza:
Formazza
Salecchio
Antillone
Agaro
Ausone
Bosco Gurin

Bassa val d'Ossola:
Ornavasso
Migiandone

Valsesia:
Alagna
Riva Valdobbia
Carcoforo
Rima
Rimella

Valle Strona:
Campello Monti

Valle del Lys:
Gressoney La TrinitÚ
Gressoney St. Jean
Issime

Vall d'Ayas:
St. Jacques
Cuneaz



IL GRANDE SENTIERO WALSER

La rete dei sentieri percorsi dai walser ha dato vita ad un percorso di circa ottocento chilometri suddiviso in 34 tappe con possibilitÓ di 15 varianti. Indicato come “Grande sentiero walser” esso attraversa quattro nazioni: Svizzera, Italia, Liechtenstein ed Austria. Il progetto ha potuto divenire realtÓ grazie all’impegno dei Club alpini dei diversi paesi e all’Associazione delle comunitÓ walser che, nel corso di alcuni anni, hanno segnato e descritto tale itinerario.

L’escursione a tappe permette di toccare circa centocinquanta comunitÓ e di attraversare territori dove le testimonianze architettoniche, storiche e culturali del popolo walser sono ancora chiaramente leggibili. A sud delle Alpi il sentiero percorre lunghi tratti delle valli di Gressoney, di Macugnaga, Alagna, Formazza e superare passi come il Colle del Teodulo, il passo di Monte Moro , del Sempione, dell’Arbora.

Alcune tappe prevedono spostamenti con mezzi pubblici. Tutte comunque presuppongono un buon allenamento ed una attrezzatura adeguata. Il periodo consigliato per la percorrenza Ŕ da metÓ luglio a fine settembre. Le informazioni dettagliate sul percorso possono essere richieste presso le Apt o i Comuni delle singole localitÓ.

Le fotografie di Franco Restelli (da cui sono tratte le immagini) sono raccolte nel libro di recente pubblicazione “ Walser: il fascino - il mistero” con testi di Teresio Valsesia, Macchione editore.

 

Rosalba Franchi